Stampa questa pagina

Recensione Premio Internazionale di incisione

Questa prestigiosa partecipazione di D'Ambrosi al Premio Biella 1996, offre l'opportunità di analizzare la produzione dell'Artista che mantiene una linearità di ricerca continua e fortemente coerente.

Infatti, si riscontra ancora, una modularità di ricerca che affonda le sue radici in una non figuratività che designa D'Ambrosi come uno tra i più impegnati seguaci di una pittura che si affida alla analisi mentale lontana da una figuratività fenomenica per interessarsi, piuttosto, di un immaginario in cui segni e simboli non sono necessariamente rapportabili ad una realtà effettiva. E' proprio dello stile dell'Artista, impegnato pittore dell'area informale sulla scorta di un'avanguardia napoletana che nei primi anni Cinquanta ha rappresentato un movimento culturale di grande nota nazionale, il rapportarsi al segno come strumento primario di espressione che, sia in pittura che in incisione, mantiene la capacità di determinare soluzioni chiaroscurali di totale effetto.

Premio Internazionale di incisione — Biella 1996

 

Ultima modifica il Mercoledì, 04 Marzo 2015 20:20
Super User

Ultimi da Super User

Articoli correlati (da tag)